LogoIbimusNero

yourwebsite.com @ All Right Reserved 2017

istitutobibliografiamusicale@gmail.com

          Attività di schedatura dei manoscritti musicali

         Tra il 1979 ed il 1980 si avvia la schedatura dei seguenti fondi:

  • Barberini e Chigi della Biblioteca Apostolica Vaticana (Annapia Sciolari Meluzzi, Jean Lionnet);
  • Compagnoni Marefoschi della Biblioteca Casanatense (Maria Szpadrowska Svampa).                                                  ​ Nel 1984 si conclude la schedatura dei seguenti fondi:
  • Chiti dell’Accademia Nazionale dei Lincei (Mariella Casini Cortesi);
  • Biblioteca Nazionale Centrale Vittorio Emanuele II (équipe);
  • Archivio della Chiesa di S. Luigi dei Francesi (Jean Lionnet);
  • Pii Stabilimenti Francesi di Roma (Jean Lionnet);
  • Oratorio di S. Girolamo della Carità (Eleonora Simi).                                                                                                       Nel 1984 viene avviata la schedatura dei seguenti fondi:
  • Sezione Accademia e Sezione Governativa della Biblioteca del Conservatorio di Musica di S. Cecilia (équipe);
  • Archivio della Chiesa del Gesù (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Basilica di S. Maria in Trastevere (Eleonora Simi).                                                                                                                           Nel 1984 viene completata negli schedari dell’IBIMUS la sistemazione delle 50.000 schede di manoscritti musicali conservati in oltre sessanta biblioteche del centro e nord Italia (Maria Szpadrowska Svampa).                                          Tra il 1984 ed il 1985, in attuazione delle indicazioni contenute nella delibera della Giunta Regionale del Lazio (delibera n. 5323 del 3 agosto 1984) e nel relativo Protocollo d’intesa, l’IBIMUS incentra l’attività di catalogazione sui fondi di musica manoscritta delle biblioteche e degli archivi regionali di:
  • Roma, vari fondi privati (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Tivoli, fondo dell’archivio del Duomo (Mara Mari, Luisanna Stefani);
  • Veroli, fondo della Biblioteca Comunale Giovardiana (Andrea Rossi-Espagnet, Luca Della Libera);
  • Palestrina, Biblioteca Fantoniana (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Viterbo, fondo della Biblioteca degli Ardenti (Nicola Tangari);
  • Rieti, fondo della Biblioteca Diocesana (Salvatore de Salvo);
  • Subiaco, Monastero S. Scolastica e Archivio S. Speco (Luciano Luciani);
  • Campagnano Romano, Archivio del Duomo (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Alatri, Duomo (équipe).                                                                                                                                                                           Nel dicembre del 1987, completata la duplicazione e l’ordinamento alfabetico per autore delle schede dello schedario topografico, viene avviata la sistemazione dello schedario delle opere anonime.                                                                      Nel 1989, grazie alla nuova convenzione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, si sono riordinati e schedati i seguenti fondi musicali:
  • Duomo di Poli;
  • Confraternita del SS. Sacramento di Fiuggi;
  • Cappella Giulia in S. Pietro (Mariella Casini Cortesi);
  • Cappella Sistina (Mariella Casini Cortesi);
  • Pontificio Istituto di Musica Sacra (Amelia De Salvatore)
  • Nello stesso anno è proseguita e conclusa l’attività di catalogazione dei seguenti fondi:
  • Archivio Basilica di S. Maria Maggiore (équipe);
  • Archivio dell’Accademia Filarmonica Romana (Mariella Casini Cortesi);
  • Archivio della Cattedrale di Frascati (Luisanna Stefani);
  • Archivio della Cattedrale di Rieti (Salvatore de Salvo).                                                                                                             Sempre nel 1989 l’Istituto ha stipulato una convenzione con il Capitolo della Patriarcale Basilica di S. Giovanni in Laterano per il riordino e la catalogazione dell’archivio di musiche manoscritte, a stampa e dei codici liturgici (sec. XVI-XIX) della Cappella musicale della Basilica, nell’ambito di un progetto biennale cui è stato cointeressato il Ministero per i Beni Culturali - Ufficio Centrale per i Beni Archivistici, sia sul piano catalografico che su quello del restauro conservativo.                                                                                                                                                                              Nel 1990 si è iniziato l’intervento sull’Archivio di S. Giovanni (équipe); nel frattempo è stata completata la catalogazione dei seguenti fondi:
  • Biblioteca Casanatense, fondo Baini (Maria Szpadrowska Svampa);
  • Biblioteca del Conservatorio di S. Cecilia, fondo Mario (Annalisa Bini).                                                                                  Nel 1990 l’IBIMUS, insieme alla Fondazione G. Cini, la Fondazione Levi di Venezia e l’Associazione Veneta per la Ricerca delle Fonti musicali, ha collaborato a un nuovo progetto ACOM/89 gestito dalla Selesistemi s.p.a.,    finalizzato a:
  • completamento della catalogazione dei fondi musicali delle biblioteche venete;
  • estensione della metodologia di intervento ad altre tre regioni italiane (Campania, Calabria e Sicilia);
  • interconnessione della banca-dati musicologica con il Servizio Bibliotecario Nazionale.                                                     Nel 1991 si avvia la schedatura di altri importanti fondi, tra cui:
  • Fondo Vessella della biblioteca dell’Istituto di Archeologia e Storia dell’Arte (Luca De Carlo);
  • Archivio Doria-Pamphili (Maria Szpadrowska Svampa).                                                                                                               Nel 1992 la catalogazione ha interessato i seguenti fondi:
  • Rieti, Duomo, Archivio della Curia, fondo novecentesco (Salvatore de Salvo);
  • Roma, Oratorio del Caravita (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • oltre alla prosecuzione dei lavori relativi all’Archivio di S. Giovanni in Laterano.                                                                    Tra il 1993 ed il 1995 si sono schedati 2000 manoscritti musicali del Fondo della Biblioteca dell’Abbazia di Montecassino. I lavori sono stati completati per un totale di 12.000 mss schedati.                                                                  Dal 1993 a oggi l’attività è proseguita con i seguenti fondi:
  • Fondo di S. Spirito in Saxia (Rita Andolina, Susanna Greco);
  • Archivio di S. Giovanni dei Fiorentini (Manuela Di Donato);
  • Archivio dei PP. Scolopi (S. Pantaleo) (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Archivio del Pio Sodalizio dei Piceni (Enrico Careri);
  • Archivio di Stato (SS. Trinità dei Pellegrini) (Mariella Casini Cortesi);
  • Archivi musica Rai (Annapia Sciolari Meluzzi);
  • Biblioteca Apostolica Vaticana, fondo Ravalli (Flavia Cardinale);
  • Archivio della Banda dell’Arma dei Carabinieri, fondo Raffaele Caravaglios (Manuela Di Donato, Elena Zomparelli).
  • Nel 1998 è stata avviata da parte di una équipe IBIMUS la catalogazione del Fondo di S. Maria Maggiore 

 

CABIMUS                                                                                                                                                                               

CABIMUS on line è la versione, fruibile in rete, della Guida alle Biblioteche e agli Archivi Musicali Italiani (Clavis Archivorum ac Bibliothecarum Italicarum ad MUSicam artem pertinentium) edita dall'IBIMUS.                     

CABIMUS on line permette una rapida ricerca della scheda di un determinato archivio mediante l’indicazione di una zona geografica (Regione, Provincia o Località), oppure mediante (parte del) nome di una località, o dell’archivio ricercato, ovvero di uno degli autori o degli studiosi rappresentati nell’archivio.                                                                       

Per il CABIMUS on line è disponibile in linea un manuale per l'utente.

Per consultarlo, o scaricarlo sul proprio personal computer, cliccare sul pulsante qui sotto.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder